Bridgerton: Perché l’identità di Lady Whisteldown è stata subito svelata

La prima serie nata dall’accordo tra Netflix e Shonda Rhimes, a cui si devono, tra gli altri, Le regole del delitto perfetto e Grey’s Anatomy, è stata distribuita nel giorno di Natale del 2020 e risponde al nome di Bridgerton.

La serie originale è la riproposizione audiovisiva della saga letteraria di successo di Julia Quinn.
Formata da ben otto volumi, quest’ultima narra le vicende della famiglia Bridgerton, focalizzandosi su un familiare differente in ogni libro. E il prodotto Netflix sta seguendo la stessa filosofia.

La prima stagione di Bridgerton però si prende una libertà e si chiude con una sorprendente e inaspettata rivelazione, quella dell’identità di Lady Whisteldown.

Con l’idea già chiara che la serie potesse proseguire per tante stagioni – ricordiamo infatti che è poi stata rinnovata fino al quarto ciclo di episodi – si è deciso comunque di non rispettare la specifica vicenda narrata nei volumi e di palesare anticipatamente il volto della Gossip Girl dell’epoca della Reggenza.
Ciò, nei libri, avviene in realtà infatti soltanto al quarto volume.

La scelta presa potrebbe risultare un modo per ripagare gli spettatori per essere arrivati fino all’ultimo episodio disponibile, in virtù del fatto che il rinnovo, sebbene largamente auspicabile e probabile, non era ancora certo prima del rilascio della season 1.

Un’altra opzione parrebbe quella di voler volutamente prendere le distanze proprio da Gossip Girl sotto questo aspetto, non reiterando lo scoop e non trascinandolo fino alla fine della serie.

Tanti aspetti della questione sono infatti ancora ignoti e molte scene possono ancora essere cavate dal cilindro, tenendo ancora salda l’attenzione sul topic Whisteldown, senza perpetrare l’ignoranza del pubblico sull’identità della fanciulla.

Per tutte le novità su questa e sulle altre serie, vi invitiamo a continuare a seguirci su Facebook e Instagram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.